MINIMALISMI – Talk&Lab di Francesca Caraffini

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

MINIMALISMI

workshop & talk progetto a cura di Francesca Caraffini

Organizzatore: ArtSolvingStudio

Dove: La Filanda – Mendrisio, TI (CH)

Quando: mercoledì 08/05/2024 – dalle ore 17.30 alle 19:00

Info: Contributo: libero
tutti i materiali sono inclusi

Prenotazione: info@artsolvingstudio.com

L’approccio del pensiero minimalista – che trae origine dalla Minimal Art degli anni Sessanta – si basa sull’eliminazione di tutto ciò che è superfluo e ha ormai investito molti campi: dalla moda al design alla letteratura…
Oggi è uno stile di vita che si concentra sull’essenziale, sbarazzandosi di merci, oggetti, immagini e parole che non servono, per mirare alla semplicità, all’armonia, alla bellezza.
In questo atelier, condotto da Francesca Caraffini artista e divulgatrice d’arte, e realizzato in collaborazione con CreattivaTI (l’associazione culturale che sostiene gli artisti della Svizzera italiana), realizzeremo dei dipinti a china su carta, utilizzando in modo anticonvenzionale le piante come pennelli.

Non occorrono particolari abilità artistiche per scoprire come con poco si possa fare molto.

Ogni incontro di Storie dell’Arte si prefigge di esplorare filosofie e scuole di pensiero attraverso la conoscenza delle arti applicate.

———————-

Francesca Caraffini – biografia

Sono nata di venerdì.

Mi muovo attraverso strade secondarie, per avere il tempo di osservare le cose.

Ho conseguito il diploma in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e in Decorazione Pittorica all’Istituto d’Arte di Sassari.
Nel corso degli anni ho fatto incontri davvero unici e collaborato in modo eclettico in diversi ambiti della creazione delle arti applicate: in campo grafico, editoriale e con progetti nell’ambito dell’interior design.
La mia attività professionale si incentra oggi sulla comunicazione dell’Arte con progetti di “curatela digitale”, dedicati a creativi, artisti, professionisti ed enti della cultura.
La “progettazione come strada per il bello”, mi appassiona sin da quando ero poco più che bambina. Cerco di condividere questo metodo con progetti di divulgazione e didattica destinati a bambini e adulti, puntando alla creazione di momenti di aggregazione basati sulla sperimentazione e sulla condivisione del sapere.
L’Arte diviene così un collante per le persone, facendo riscoprire, nel piacere di ritrovarsi e vivere insieme queste esperienze, un modo per trascorrere il tempo libero culturalmente attivo e di qualità.

More to explorer